G come Gnomi E NON SOLO .......


Vai ai contenuti

Menu principale:


Biografia

Musica

BIOGRAFIA




Massimiliano nasce a Trento il 01/11/1962, dove trascorre la maggior parte della sua infanzia.
Si avvicina al mondo della musica in modo originale, quasi da favola : a 17 anni mentre trascorreva un breve periodo di tempo presso il collegio dei Salesiani a Trento, sente il suono di uno strumento musicale.
Era il primo approcio con il clarinetto.
Dopo aver ottenuto un permesso e arrivato a casa, trova dentro un vecchio armadio un astuccio dalll'aspetto non troppo bello e con molta polvere sopra.
Si, era proprio lo strumento che aveva visto e sentito in collegio. Lo apre, inizia ad assemblare lo strumento e poi … via, il primo suono!
Si appassionò fin da subito alla musica Jazz suonando ad “orecchio” ascoltando i brani alla radio o con il giradischi.
I veri insegnanti per lui furono : Benny Goodman, Louis Armstrong, Buddy de Franco, Henghel Gualdi, Glenn Miller e tutte le orchestre americane.
Mentre frequenta l'istituto tecnico industriale negli anni ' 80 entra a far parte della BIG BAND formatasi a Pergine Valsugana e diretta dal Maestro Attilio Donadio.
E anche in quella situazione l' originalità non mancò : il maestro Attilio Donadio lo collocò in sezione con le terze trombe poiché Massimiliano non era in grado di leggere la musica.
Con la Big Band ci furono vari concerti ,tra cui, uno dei più importanti fu quello svoltosi in Piazza Duomo a Trento in presenza di uno dei più grandi sassofonisti italiani, SERGIO RIGON.
Il maestro Donadio scrisse per quell'occasione un “solo” di clarinetto per Massimiliano(Max) nel brano intitolato BLUS FOR PEZZOTTA.
Max eseguì solamente le prime due misure di quel favoloso solo poi.......................suono' alla sua maniera : ad orecchio!
Alla fine del concerto il maestro Donadio lo riprese , ma allo stesso tempo si complimento' per aver saputo interpretare un solo in modo originale e moderno.
Negli anni a seguire dopo aver imparato a leggere la musica, trova spazio e collaborazione con varie Bande della zona: in particolare con la Banda Sociale di Lavis diretta a quel tempo dal favoloso maestro Saverio Mosca.
Durante gli anni '89 e '90, con la Banda svolge attività di concertista e maestro: insegna agli allievi teoria e solfeggio premiato con la soddisfazione di vederli, poi, far parte della Banda.
In seguito partecipa ad un'edizione del Flicorno d'Oro con la Banda di Gardolo diretta dal Maestro Marco Bazzoli.
Ben presto riesce ad acquisire le tecniche di improvvisazione jazz e alla fine degli anni '90 entra a far parte della New Project Jazz Orchestra,diretta da Renzo Vigagni, una big band formatasi in Trentino, con la quale partecipa a parecchi concerti sia in Italia che in Europa : Renato Geremia, Luciano Biasutti, Bruno de Filippi, Andrea Braido, Rudy Migliardi e Lee Konitz questi sono alcuni nomi che l' orchestra ha avuto come ospiti.
Nel 1991 forma il “ Trio Nebbia “ cercando formule innovative negli standard jazz ,con Carlo La Manna al contrabbasso, Sergio Decarli alla Batteria, Roberto Segato al piano.
Collabora poi con altri musicisti locali in particolare con Roberto Serafini e Gianfranco Grisi per l'allestimento di uno spettacolo dal titolo Snowstorm , suonando dal vivo contemporaneamente alla proiezione cinematografica riguardante la tematica del paesaggio Trentino e riscuotendo un notevole successo.
Nel 1995/96 con Lorenza Anderle, entra in formazione con i Tintinna, formazione jazz a carattere sperimentale con la quale partecipa al concorso Tim di Rovereto con un brano scritto da lui stesso e intitolato “Quasi 120”.
Con i NiMa, quintetto formatosi in occasione del concorso per RTTR, una radio locale, si classifica al secondo posto assoluto con un brano scritto per l'occasione da Max , intitolato L.S.blues e interpretato in modo veramente magistrale da Nilo Caracristi al corno, Fabrizio Larentis al contrabbasso, Michele Kettmaier al piano , Claudio Ischia alla batteria e Max al contralto.
Conosce in seguito il grande batterista Claudio Benedetti fondatore della Original Classic Jazz Band con il quale suonerà per parecchi anni.
La band è stata una delle prime formazioni dixieland in Trentino e come tale ha riscosso notevole successo anche fuori regione.
Purtroppo non ci sono incisioni su disco di questa formazione a parte un piccolo intervento presso la radio Rai .
Il gruppo era formato da sette elementi : Claudio Benedetti alla batteria,Martino Consoli al banjo,Sergio Bellorio al basso tuba,Walter Peroni al trombone,Antonello Cunego alla tromba,Giorgio Beberi al sax e Massimiliano Facci al clarinetto.
In un secondo periodo ci fu un cambio nelle file dell ' Original Classic Jazz Band, oltre al nome della band si alternarono altri musicisti : Claudio Ischia alla batteria,Enrico Merlin al banjo,Michele Tamanini alla tromba e Gigi Grata al trombone.( Massimiliano Facci e Sergio Bellorio )
La nuova formazione di sei elementi si chiamò Tiger Dixie Band.
Purtroppo, a tutt'oggi, risulta difficile riconoscere il lavoro di anni svolto dai pionieri delle due formazioni, ma rimarrà per sempre il ricordo di quel tempo trascorso in vera amicizia e suonando non solo per denaro ma per divertimento.




Copyright by Facci Massimiliano | faccimassimiliano@alice.it

Torna ai contenuti | Torna al menu